Legna da ardere

La legna da ardere costituisce una fonte energetica rinnovabile e neutra rispetto alle emissioni di CO2. Infatti utilizzare il legno come fonte energetica non distrugge i boschi, anzi, consente una loro gestione mirata e una coltivazione attenta che migliora l’ambiente.

CON IL LEGNO SI SPENDE MENO!

Tutti sappiamo, perché lo vediamo dalle bollette, quanto aumentano ogni anno le tariffe dei combustibili fossili e quanto pesa il riscaldamento sul bilancio famigliare o aziendale... con il legno si spende meno: a parità di energia termica erogata, si può risparmiare fino al 60% sul prezzo del combustibile! Risparmiare attraverso l’impiego delle biomasse legnose è quindi positivo per noi, ma anche per l’ambiente e per l’economia delle aree rurali. Utilizzare il legno, infatti, permette di creare più posti di lavoro sul territorio, perché implica un processo di trasformazione con più unità lavorative coinvolte localmente. Il risparmio è ancora più evidente se il legno viene bruciato in generatori termici efficienti, cioè che utilizzando meno materiale producono lo stesso quantitativo di calore. Usare meno combustibile significa spendere meno, pensate ad un’auto, meno consumi significano meno volte dal benzinaio!

La LEGNA DA ARDERE, una scelta etica per l'ambiente e non solo! Il legno, al contrario delle fonti fossili di energia, è una risorsa rinnovabile. Questo perché gli alberi,da milioni di anni presenti sulla terra, se gestiti in modo corretto potranno continuare ad esistere, all’infinito, producendo non solo legno, ma beni e servizi utili a noi, agli animali e a tutto il pianeta.

La piccola porzione di bosco, la piantagione da legno o il filare arborato che serve oggi a noi per scaldarci, se gestita correttamente, ricrescerà e potrà quindi servire anche ai nostri figli, ai nostri nipoti e alle generazioni successive, mantenendo nel frattempo le molteplici funzioni degli alberi... e fissando, durante la crescita, la CO2 atmosferica. Si sente tanto parlare di CO2, cioè anidride carbonica, nel dibattito sui cambiamenti climatici e sull’inquinamento atmosferico. L’anidride carbonica sembra in effetti una delle principali cause dell’effetto serra e quindi del cosiddetto surriscaldamento globale. Le piante, durante la crescita, immagazzinano la CO2, diminuendone la concentrazione in atmosfera!

Tagliando gli alberi nell’ambito di una gestione sostenibile non influiamo negativamente sull’ambiente! Utilizzando il legno infatti, il bilancio tra la CO2 emessa e quella immagazzinata dalle piante è in pari, in equilibrio, mentre impiegando fonti non rinnovabili si sposta “la lancetta” a favore della CO2, con danni per l’ambiente e contro le indicazioni internazionali di riduzione delle emissioni (es. Protocollo di Kyoto, Pacchetto Energia UE “20 – 20 – 20”).

G.D.S. | 1, Reg. Priotti - 10060 Buriasco (TO) | P.I. 09335960010 | Cell. 338 7554048 | gds.amministrazione@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite